cv_slide1.jpg cv_slide3.jpg cv_slide2.jpg cv_slide4.jpg

I NOSTRI VOLONTARI

 

Dal 1899, anno di fondazione della nostra Associazione, migliaia di cittadini e cittadine milanesi hanno donato parte del loro tempo libero alla Croce Verde A.P.M.  per svolgere Servizio Volontario di Pronto Soccorso.

Della maggior parte di coloro che hanno deciso di dedicarsi a questa opera meritoria, non conosciamo più neppure i nomi: abbiamo però molte fotografie, attraverso le quali possiamo oggi rivedere e conoscere un altro pezzo della nostra storia.

Nei primi anni del ‘900 i volontari prestavano soccorso in abiti civili, indossando solo una fascia sul braccio; arrivarono dopo le divise, di tipo militare, con il cappello a visiera. A quei tempi non esistevano volontarie in servizio di Pronto Soccorso: le signore prestavano la loro opera nel Comitato Patronesse, cucendo lenzuola e bende, dedicandosi ad opere di beneficienza e di raccolta fondi.

Solo con la prima guerra mondiale, quando molti volontari furono richiamati alle armi, le volontarie ebbero un ruolo attivo nel servizio, assistendo i feriti che giungevano dal fronte e che venivano ricoverati nei due ospedali gestiti dalla Croce Verde A.P.M.

Nel secondo dopoguerra le volontarie iniziarono anche ad uscire in ambulanza, indossando una divisa bianca con la veletta, che rimase in uso fino agli anni ’60. I volontari indossavano una divisa blu, con cravatta verde e cappello tipo tranviere, che alcuni anziani volontari conservano gelosamente ancor oggi.

I volontari iniziarono poi ad indossare una vestaglia bianca sopra la divisa, e negli anni ’70 il bianco prese definitivamente il sopravvento: la divisa blu venne abbandonata e sia i volontari che le volontarie iniziarono ad uscire in servizio indossando un camice bianco, allacciato posteriormente, con la martingalla che spesso si impigliava nelle maniglie. In inverno, ci si proteggeva dal freddo con un giubbino, da indossare sopra il camice.

Il resto è storia recente: dalla fine degli anni ’90 entrò progressivamente in uso la divisa arancione altamente riflettente, che con le successive varianti è ancor oggi è in uso, accompagnata dalle scarpe antiinfortunistiche.

Ma le vecchie foto che potete trovare in questa sezione vi mostreranno anche i volti dei nostri volontari e volontarie: a tutti loro, va il nostro ricordo ed il nostro infinito ringraziamento per l’opera svolta, nel segno del nostro motto “Ama, Spera, Lavora, Salva”.