cv_slide1.jpg cv_slide3.jpg cv_slide2.jpg cv_slide4.jpg

La Nostra Storia

La Croce Verde A.P.M. è l’associazione più antica di Milano. Le sue origini risalgono, infatti, al 1899.

E’ importante ricordare che in questo periodo storico, nelle città italiane, mancavano forme di sussidio da parte dello Stato nei confronti di persone che necessitavano di interventi di primo soccorso. Le uniche forme organizzative esistenti fino ad allora, si potevano rinvenire unicamente in Liguria e Toscana, dove le Misericordie si occupavano del trasporto delle persone bisognose in ospedale. Si trattava di associazioni di volontariato di stampo cattolico, diffuse in un ambito territoriale troppo ristretto rispetto all’intero territorio italiano.

L’aneddoto che accompagna la nascita di questa associazione risale all’inverno del 1899, quando, in via Canonica scoppiò una rissa fra persone che vennero poi soccorse dalla gente del posto con lettighe improvvisate, costruite con materassi e carretti.  Il tragico episodio costituì l’impulso per la costituzione di un gruppo di volontari che si occupasse di trasportare le persone bisognose e ferite in ospedale. Fu quindi grazie all’iniziativa di un gruppo di amici con uno spiccato senso civico che a Milano venne  costituita la prima associazione volontaria di soccorso su strada. La prima sede fu il locale di una bottega di riso in via Rosmini 5, messo a disposizione dal negoziante stesso, il primo benefattore della nostra associazione.

Nel 1905 venne fondata un’altra associazione di volontariato, con il nome di Società Volontaria di Soccorso Croce Verde, che per prima cosa si diede uno Statuto. E’ stato proprio questo Statuto a sopravvivere negli anni, e a sancire valori che ancora oggi permangono nella nostra associazione:

La società non ha carattere né politico né religioso; è puramente umanitaria”.

Da questo momento, le istanze dei nuovi militi vengono sempre più sentite e condivise dalla cittadinanza.

Nel 1906 la Croce Verde offre un significativo intervento in occasione del gravissimo disastro ferroviario al bivio Acquabella.

In occasione della costruzione della prima autolettiga il Ministro degli Interni assegna la prima medaglia di bronzo al valore civile alla Croce Verde.

Nel 1916 le due Associazioni, la Società Volontaria di Soccorso Croce Verde e l’Assistenza Pubblica Milanese, si riuniscono sotto il nome di Croce Verde A.P.M.

La nuova Associazione si è fin da subito dovuta cimentare in diverse calamità: lo scoppio di bombe al teatro Diana, i disastri del Gieno, dell’Orobia, le alluvioni sulla sponda sinistra del Lago Maggiore, lo scoppio della polveriera di Vergiate e il crollo del Palazzo del Credito Marittimo a Milano.

Nel 1930 la Croce Verde A.P.M., così come tutte le altre associazioni esistenti in Italia, in seguito ad un decreto ministeriale, è stata sciolta e tutti i suoi beni (10 autolettighe, la dotazione di biancheria e attrezzature, trofei e registri) sono stati consegnati alla Croce Rossa Italiana. Soltanto 15 anni dopo, nel 1945, un gruppo di vecchi soci e militi rifonda l’Associazione. Non è mai stato restituito nulla dei vecchi beni ceduti.

Finita la guerra, la Croce Verde A.P.M. si è occupata della ricostruzione della città ed è intervenuta in altri disastri che si sono verificati dalla seconda metà del Novecento fino ai giorni nostri: dalle alluvioni in Belgio e Paesi Bassi, al terremoto in Friuli nel 1967, in Umbria nel 1997, per arrivare al terribile terremoto che ha distrutto l’Aquila nel 2009.

Queste sono le pietre miliari che reggono la storia di questa Associazione.